144 – 146 MHz rimosso dalla proposta francese per ulteriori applicazioni aeronautiche

144 – 146 MHz rimosso dalla proposta francese per ulteriori applicazioni aeronautiche

2019/08/30Il segmento della radio amatoriale da 144 – 146 MHz è stato rimosso da una proposta francese di studio dello spettro aggiuntivo per le applicazioni del servizio mobile aeronautico (AMS). La Francia aveva incluso la banda, che comprende l’intera banda di 2 metri nella regione ITU 1, per essere considerata una posizione della Conferenza europea delle telecomunicazioni e delle amministrazioni postali (CEPT) per la Conferenza mondiale delle radiocomunicazioni del 2019 (WRC-19). La scorsa settimana, durante una riunione del gruppo preparatorio della conferenza CEPT (CPG) in Turchia, la Francia stava tenendo fede alla proposta di condividere AMS 144 – 146 MHz con la radio amatoriale. La riunione del CPG ha preso in considerazione le posizioni della CEPT ECC su questa e altre questioni per la WRC-19.

L’International Amateur Radio Union (IARU) ha definito la proposta francese per 144 – 146 MHz “non valida” e ha affermato che la condivisione dell’attuale allocazione amatoriale con i sistemi radio AMS non sarebbe possibile “senza una significativa probabilità di reciproca interferenza”.

La proposta di studio sullo spettro francese avrebbe dovuto ottenere l’approvazione di almeno 10 paesi CEPT alla riunione del CPG – con non più di 6 opposti – per apparire sulle agende di WRC-19 e WRC-23, dove sarebbe stata presa una decisione finale .

Anche alla riunione del CEPT, su insistenza della Commissione europea, è stato ritenuto necessario un punto dell’ordine del giorno del WRC-23 per affrontare la protezione mondiale dei sistemi regionali di navigazione satellitare (RNSS) dalle emissioni amatoriali nella banda di 23 centimetri, 1240-1300 MHz . I delegati hanno concordato un progetto di risoluzione WRC che sottolinea l’importanza della banda per il servizio amatoriale ed esclude esplicitamente la rimozione delle assegnazioni esistenti come parte del punto proposto all’ordine del giorno. Il problema deriva da incidenti segnalati di interferenza al segnale E6 GPS Galileo su 1278.750 MHz.

Altre questioni relative alla radio amatoriale affrontate al CPG CEPT includevano:

  • Accordo su una proposta comune europea (ECP) sull’assegnazione di 50 – 52 MHz al servizio amatoriale nella regione 1 (Europa, Africa e Medio Oriente) su base secondaria, con una nota in calce che elenca i paesi in cui il servizio amatoriale avrà un allocazione primaria nella banda 50 – 50,5 MHz (WRC-19 Ordine del giorno 1.1).
  • Accordo con un ECP sullo spettro da prendere in considerazione per le telecomunicazioni mobili internazionali (IMT), che ora non include la banda radio amatoriale primaria a 47 – 47.2 GHz (punto 1.13 dell’Agenda WRC).
  • Accordo con un ECP che mantiene l’attuale posizione normativa nella banda 5725 – 5850 MHz che include allocazioni secondarie di radio amatoriale e satellite amatoriale (punto 1.16 dell’Agenda WRC).
  • Nessuna modifica a una posizione CEPT già concordata sulla trasmissione di energia senza fili (punto 9.1.6 dell’Agenda WRC). Ciò non richiede modifiche ai regolamenti radio per affrontare la questione della frequenza operativa per la trasmissione di energia senza fili per la ricarica di veicoli elettrici (WPT-EV), ma lascia aperta la questione delle emissioni spurie da WPT-EV.

Il presidente della regione 1 IARU Don Beattie, G3BJ, ha affermato che il team IARU di Ankara – gli unici rappresentanti del servizio amatoriale durante l’incontro – ha presentato argomentazioni chiare e convincenti per le posizioni della radio amatoriale e che è lieto che i regolatori abbiano riconosciuto la forza di il caso dilettante. Ha ringraziato tutti coloro che hanno contribuito al risultato di CPG.

CEPT è una delle sei organizzazioni regionali di telecomunicazioni, ma considerata la più influente. Le questioni si spostano ora in WRC-19 in Egitto questo autunno per la risoluzione finale. Lo IARU sarà rappresentato al raduno internazionale, che inizierà alla fine di ottobre. –  Grazie a IARU

Questa voce è stata pubblicata in Info Radio e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.